Daniel Lozakovich

by / domenica, 23 ottobre 2016 / Published in News ITA

Daniel Lozakovich è nato nell’aprile del 2001 e ha cominciato a studiare il violino nel 2007, debuttando come solista due anni dopo al fianco dell’Orchestra da camera “I Virtuosi di Mosca” e Vladimir Spivakov.

Daniel Lozakovich si è già esibito in Europa con orchestre del calibro della Royal Philharmonic di Stoccolma, dell’Orchestra da camera di Vienna, dell’Orchestra Sinfonica Tchaikovsky, della Filarmonica di Mosca, dell’Orchestra Sinfonica di Gävle, dell’Orchestra da camera di Bruxelles e della Sinfonietta di Stoccolma.

Recentemente ha debuttato con Valery Gergiev e l’Orchestra Mariinsky, con Leonard Slatkin e l’Orchestre National de Lyon, con Vasily Petrenko e la Royal Liverpool Philharmonic, con Okko Kamu e l’Orchestra Sinfonica di Norrköping, con l’Orchestre de la Suisse Romande e con la Konzerthausorchester di Berlino.

Ha suonato il Concerto per due violini di Bach con Shlomo Mintz e i Cameristi della Scala e con Daniel Cohen al concerto di Capodanno di Crans-Montana Classics 2016.

Daniel Lozakovich è anche attivo in ambito cameristico e collabora con artisti quali Maxim Vengerov e Ivry Gitlis.

Nel settembre del 2015 ha registrato una selezione di Duo di Bartok con Daniel Hope per Deutsche Grammophon, dopo che i due si erano già esibiti insieme per il canale televisivo ARTE.

Dal giugno 2016 registra in esclusiva per Deutsche Grammophon.

Daniel Lozakovich è ospite regolare del Festival di Verbier, recentemente anche in concerto con Martin Fröst e Julien Quentin. Vi fa ritorno nel 2016 per un recital da solo, un concerto di musica da camera con Daniel Hope e un concerto da solista con la Verbier Festival Youth Orchestra e Dima Slobodeniouk.

Si è esibito in numerosi festival internazionali, tra cui il Progetto Matha Argerich di Lugano, il Festival della Carinzia in Austria, il “Musica Mundi” in Belgio, il “Moscow meets Friends”, il Festival d’Estate di Copenaghen, il Festival Internazionale di Yuri Bashmet a Minsk, il Festival “Mstislav Rostropovich” a Baku, e le “Sommets musicaux de Gstaad”, dove è tornato anche nel febbraio 2016 per suonare sia il Concerto in la minore di Bach sia il Concreto per due violini di Bach con Renaud Capuçon e l’Orchestra d’archi di Lucerna. Ha anche debuttato al “Festival de Pâques” di Aix-en-Provence suonando al fianco di Renaud Capuçon, Khatia Buniatishvili e altri artisti.

Impegni futuri includono concerti con l’Orchestra Mariinsky al Festival di Rotterdam e al Festival di Pasqua di Mosca e con i Münchner Philharmoniker diretti da Valery Gergiev, il ritorno con la Royal Philharmonic di Stoccolma diretta da Semyon Bychkov, la Boston Symphony Orchestra e Andris Nelsons a Tanglewood, l’Orchestre de la Suisse Romande, la Swedish Radio Symphony, la Swedish Chamber Orchestra, l’Orchestra della Komischen Oper di Berlino, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino, l’Orchestre National du Capitole de Toulouse, l’Orchestra Sinfonica di Göteborg, la Verbier Festival Chamber Orchestra e la  Filarmonica Nazionale Russa al Festival di Colmar. Nel 2017 la Carnegie Hall ospiterà Daniel Lozakovich in recital per il suo debutto newyorchese.

Daniel Lozakovich ha ricevuto numerosi premi internazionali, tra cui il primo premio e il Grand Prix al Concorso EMCY nel 2012, il primo premio all’”International Music Competition” di Stoccolma nel 2010, il primo premio al Concorso di violino “Bravo” in Belgio, il primo premio e il “Gulda Nutcracker” alla dodicesima edizione del “Nutcracker International Television Contest for Young Musicians” a Mosca nel 2011; è stato vincitore nel 2012 del “Solna Music Award” di Stoccolma, ha vinto il secondo premio al “Yehudi Menuhin International Competition for Young Violinists” di Austin nel 2014 e al “Manfred Grommek Prize” dell’Accademia di Kronberg nel 2015. Daniel Lozakovich ha vinto tre riconoscimenti prestigiosi: il “Viennese Classics”, lo “String Soloists” e la “Best Interpretation of Sarasate ‘Gypsy Airs’” all’International Summer Academy dell’Università di Musica e Arti Performative di Vienna nel 2014.

Vive a Stoccolma e studia con il professor Josef Rissin all’Università di Musica di Karlsruhe. Dal settembre 2015 è anche allievo di Eduard Wulfson. Nel tempo libero, Daniel Lozakovich ama giocare a calcio, tennis e scacchi.

TOP