Loading...
FILARMONICA BOLOGNA 20182018-09-13T10:39:42+00:00

Orchestra Filarmonica di Bologna

Nata nel 2008 per volontà dei professori dell’Orchestra del Teatro bolognese, la Filarmonica di Bologna propone, fin dalla sua nascita, cicli concertistici presso il Teatro Auditorium Manzoni di Bologna, in collaborazione con i migliori artisti e interpreti internazionali, ponendola da subito come una delle più importanti realtà italiane e registrando sempre il tutto esaurito.

Stagione concertistica 2018-19

Anno dopo anno, la nostra attività è sempre in crescita: anche nella prossima stagione, quindi, riusciremo a offrire alla nostra città un concerto in più rispetto alla precedente. E anche quest’anno avremo importanti ritorni, come il pianista Louis Lortie, ma soprattutto tante importantissime novità: dai due concerti diretti da Roberto Abbado, alla “prima volta” sia per Yoel Lèvi che per Ion Marin, al talento di violinista e direttore di Sergej Krilov, a solisti del calibro di Julian Rachlin, Alice Sara Ott e Alexander Malofeev – oltre agli appuntamenti ormai canonici, come il concerto cameristico di Giorgio Zagnoni e il concerto di capodanno diretto da Hirofumi Yoshida. Un discorso a parte merita, poi, la serata davvero speciale che vedrà protagonisti Krjtian Järvi e Stefano Bollani in veste, entrambi, di esecutori ma anche di compositori. A voi l’ascolto!

05/11/18

Yoel Lèvi – Direttore
Julian Rachlin  – Violino

11/12/18

Roberto Abbado – Direttore
Alice Sara Ott – Pianoforte

Concerto di capodanno – fuori abbonamento

01/01/19

Hirofumi Yoshida – Direttore

13/01/19

Sergej Krilov
Direttore e Violino

18/02/19

Ion Marin
Direttore

25/03/19

Roberto Abbado – Direttore
Alexander Malofeev  – Pianoforte

15/04/19

Giorgio Zagnoni
Flauto

13/05/19

Kristjan Järvi – Direttore
Stefano Bollani  – Pianoforte

08/06/19

Hirofumi Yoshida – Direttore
Louis Lortie – Pianoforte

Magazine

Il nostro approfondimento sui personaggi, i movimenti e gli eventi che hanno fatto la storia della musica.

Storia di un malinteso

1792, aprile. A Parigi, nelle ultime settimane, Robespierre ha tentato inutilmente di risparmiare alla Francia la guerra contro il re di Boemia e d’Ungheria. La sera del giorno 25, Strasburgo, lontana dal centro della politica ma plumbea nell’attesa di decisioni, riceve infine la notizia che la guerra è dichiarata.

Leggi tutti gli articoli

“L’eredità non è mai un dato, è sempre un compito”.

Jacques Derrida

VAI ALL’ELENCO DEI CONCERTI