19/02/2018

Antonio Mendez – Direttore
Dmitri Masleev – Pianoforte

Rachmaninov e Brahms

Sergej Rachmaninov compose il suo Secondo Concerto per pianoforte tra l’autunno del 1900 e l’aprile 1901, dopo la depressione causata dall’insuccesso di pubblico e critica della sua prima sinfonia. Questa crisi, portò il compositore ad affidarsi alle cure del famoso professore Nikolaj Dahl, allievo a Parigi di Charcot. Proprio Dahl fu il dedicatario, dunque,  del Secondo Concerto, la cui prima esecuzione vide lo stesso Rachmaninov solista, il 27 ottobre 1901, a Mosca, diretto dal cugino Aleksandr Siloti.

Nel 1884, appena un anno dopo la composizione della Terza Sinfonia, Brahms si mise al lavoro per la Quarta, che sarebbe stata l’ultima, composta nelle due estati del 1884 e 1885. La prima esecuzione ebbe luogo a Meiningen il 25 ottobre del 1885, sotto la direzione dell’autore; Brahms non la considerava un’opera di facile presa sul pubblico, tuttavia la Quarta sollevò immediata approvazione, anche durante una tournée in Germania e Olanda dell’Orchestra di Meiningen guidata dal suo direttore stabile, Hans von Bülow. Solo a Vienna, come sempre diffidente verso ogni novità, la nuova composizione fu accolta con perplessità, nel gennaio 1886, sotto la bacchetta di Hans Richter. Lo stesso direttore, però, dirigerà ancora la Quarta a Vienna nel marzo 1897, questa volta con enorme successo, dovuto anche alla presenza in sala di Brahms, salutato da una trascinante testimonianza di simpatia e affetto, proprio pochi giorni prima della morte.

(Foto: ©Marco Caselli Nirmal)

  • S. Rachmaninov – Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in do minore, op. 18

  • J. Brahms – Sinfonia n. 4 in mi minore, op. 98

Lunedì 19 febbraio, ore 21.00
Teatro Auditorium Manzoni – Via Dè Monari, 1/2 (Bologna)

biglietti
Antonio Méndez
Antonio MéndezDirettore
Il direttore spagnolo Antonio Méndez ha ottenuto numerosi successi dirigendo orchestre come l’Orchestra della Tonhalle di Zurigo, la Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks di Monaco, la Mahler Chamber Orchestra, la Rotterdam Philharmonic, la Danish National Symphony, i Wiener Symphoniker, la Staatskapelle Dresden, la Seoul Philharmonic Orchestra la BBC Philharmonic, la Gürzenich-Orchester Köln, l’Orchestre de Chambre de Lausanne, la Scottish Chamber Orchestra, l’Orchestra Nazionale Russa National e la New Japan Philharmonic.

La recente registrazione di Antonio Méndez con la Radio-Sinfonieorchester di Stoccarda della SWR, è stata recentemente premiata con un premio Echo Klassik. Ha anche registrato con la Scottish Chamber Orchestra per Linn Records.

Méndez ha attirato l’attenzione internazionale come finalista e vincitore di premio al prestigioso Concorso Malko di Copenaghen nel 2012 e, successivamente, come finalista nel 2013 al Festival dei Giovani Direttori a Salisburgo.

Nato nel 1984 a Palma di Maiorca, Antonio ha iniziato i suoi studi musicali presso il Conservatorio di Musica di Maiorca in pianoforte e violino. Ha anche frequentato il Real Conservatorio Superior di Musica di Madrid per studiare composizione e direzione. Dal 2007 vive in Germania, dove ha completato la sua formazione direttoriale presso l’Università delle Arti di Berlino con il professor Lutz Köhler e presso l’Università di Musica Franz Liszt di Weimar con il professor Nicolás Pasquet.
(Foto: ©IGORSTUDIO )

Dmitry Masleev
Dmitry Masleev Pianoforte
Nel 2015 Dmitry Masleev ha vinto trionfalmente il XV Concorso Čajkovskij di Mosca con unanime consenso di giuria, pubblico e media. In seguito a questa straordinaria affermazione, Masleev si è esibito a New York, Londra, Monaco, Rotterdam, Stoccolma, Tokyo, Pechino e in tutta la Russia. Oltre alla medaglia d’oro, la giuria del Concorso Čajkovskij gli ha assegnato il premio speciale per l’interpretazione di un Concerto di Mozart. Secondo il New York Times, non si sarebbe potuta fare scelta migliore e più accurata.
Tra le più importanti collaborazioni ricordiamo quelle con il Klavierfestival Ruhr, con la Philharmonie am Gasteig di Monaco, con il Festival di Pianoforte di Bergamo e Brescia, con le due tournée in Giappone con Valery Gergiev e Yury Bashmet, con l’Orchestre National du Capitole de Toulouse, l’Orchestre Philharmonique de Radio France, l’Orchestra della Radio di Berlino, la Bamberg Symphony e la SWR Orchestra di Stoccarda.
Nato e cresciuto a Ulan-Ude, città della Siberia meridionale tra il Lago Baikal e il confine con la Mongolia, Dmitry Masleev ha studiato al Conservatorio di Mosca (nella classe del Professor Mikhail Petukhov) e all’Accademia Internazionale di Pianoforte del Lago di Como.
VEDI I CONCERTI DELLA STAGIONE IN CORSO

05/11/2018

Il concerto solistico dedicato al violino fu concepito da Pëtr Il’ič Čajkovskij alla fine di uno dei periodi più fecondi della creatività del compositore; egli, infatti, non ancora quarantenne, aveva concluso, nell’arco di un triennio, il Concerto per pianoforte in si bemolle minore, il balletto Il lago dei cigni, la Quarta Sinfonia e l’opera Evgenij Onegin.

11/12/2018

Edvard Grieg contribuì in modo essenziale alla conoscenza e alla diffusione, in Europa, della musica popolare norvegese; egli fu esponente di spicco delle cosiddette Scuole nazionali che, nella seconda metà dell’Ottocento, costituirono l’elemento di novità principale della musica europea.

13/01/2019

Secondo il grande musicologo Alfred Einstein, il fatto che nella musica di Mendelssohn appaia frequentemente, nei movimenti allegri, l'indicazione “con fuoco”, oppure “appassionato” individua senz’altro un preciso gusto romantico;

25/03/2019

Nonostante Pëtr Il'ič Čajkovskij fosse un ottimo pianista, il pianoforte non fu mai al centro dei suoi interessi di compositore. Il concerto in si bemolle minore resta, dunque, l'unico lavoro pianistico entrato a far parte stabilmente dei capolavori del musicista russo;

13/05/2019

Nel 1924 il giovane George Gershwin propose un brano stupefacente, osteggiato in pari misura col successo crescente che il pubblico gli decretava. Questo perché, per la prima volta, un musicista, proveniente dal mondo extra-colto, proponeva una composizione in cui si combinavano la tradizione classica e la musica jazz, ma anche il blues. Insomma, questo brano è una vera e propria commistione di generi (musica colta e musica di consumo) e culture (bianca e nera).

2018-09-20T14:46:27+00:00